Le belle prose: da Ben Marcus…

“Vorrei poter dire il nome di mio padre. Non saprei quale tempo verbale potrebbe adeguatamente coniugare mio padre. C’è una porzione di tempo che il mio linguaggio non sa coniugare. Un limite, probabilmente, della mia bocca. E’ in questa porzione di tempo che si nasconde mio padre. Se imparo una nuova lingua, mio padre potrebbe tradursi in realtà. Se mi affondo la mano in bocca e ne estraggo una grotta più grande. Se mi accontento di meno me, così che lui possa essere di più.”

(Ben Marcus, Il vestito di mio padre)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...